Il Comandante torna a casa

IL COMANDANTE TORNA A CASA
di Gianmarco Calore

Condensare in poche righe ciò che è accaduto stamattina, 15 giugno 2019, presso la caserma “Pietro Ilardi”, sede del 2° Reparto Mobile di Padova, è estremamente difficile, non fosse altro che per il rischio di scivolare nella retorica.

Voglio perciò rifarmi alle parole pronunciate da don Ulisse Zaggia, Cappellano della Polizia di Stato, quando durante la Santa Messa ha paragonato questo glorioso Reparto a una famiglia. Una grande famiglia. Oggi per la prima volta nella storia della Polizia italiana si è concretizzato un evento storico unico nel suo genere: i resti mortali del suo primo Comandante, il generale di P.S. Gaetano Genco, sono tornati nella casa che egli tanto tenacemente volle dare agli uomini al suo comando dacché pose piede a Padova nel lontano 1945. Un Padre è tornato tra i suoi Figli.

Continua a leggere

1978 – La Polizia segna il passo

Pagina 3

(12.05.1978) LaStampa – numero 107

La polizia segna il passo la gente domanda perché 

MESTIERE INGRATO, MA ESSENZIALE AL PAESE La polizia segna il passo la gente domanda perché 

ROMA — Si è avuta, nei lunghi giorni che hanno preceduto l’assassinio dì Aldo Moro, una sgradevole impressione: che la nostra polizia, cioè, annaspasse nel vuoto. Battute a largo raggio, posti di blocco, rastrellamenti a tappeto, perquisizioni in città e in campagna, lungo i litorali ecc. E sempre invano.

Continua a leggere

1972 – Questa Polizia ferita….

Pagina 3

(13.09.1972) La Stampa – numero 200

Questa polizia ferita 

BILANCIO A MILANO DOPO LA CRISI D’ESTATE Questa polizia ferita Dall’assassinio di Calabresi in poi, è stato un susseguirsi di delusioni c rancori – “Vorremmo un po’ di pace e buonsenso, però troppa gente non vuol saperne” – Molti temono di trovare agenti pronti alla repressione aspra, “più a destra” – In realtà, sottoposti a spinte contrastanti, vivono un momento delicato: qualcuno potrebbe approfittarne, per stupidità o calcolo

Continua a leggere

Codici identificativi sulle uniformi

Periodicamente il “problema” si ripropone.

Scrivo “problema” perché ciò che in altri Stati europei (e non solo) è una questione che nemmeno si pone, qui da noi è tutta un’altra storia; una storia che divide prima di tutto gli stessi Poliziotti, ma che tocca direttamente anche l’opinione pubblica nazionale.

Leggendo i vari articoli sull’argomento non si può ragionare prescindendo da quel settore che ancora oggi costituisce spesso un “nervo scoperto”: quello dell’ordine pubblico. Negli ultimi 15 anni la sua gestione ha fatto passi da gigante, introducendo specifiche e imprescindibili regole d’ingaggio che non toccano unicamente i ragazzi che stanno dietro quegli scudi, ma che coinvolgono in primo luogo i funzionari chiamati a pianificare il buon andamento di ogni manifestazione.

Continua a leggere

Gangsters a Milano

Pagina 3

(02.10.1965) LaStampa – numero 234

 

Vita dura a Milano per i gangsters all’americana braccati da una moderna ed efficiente polizia

Lo sviluppo industriale ed economico ed il benessere diffuso trova una delinquenza nuova, organizzata, audace – Il forte afflusso di immigrati hanno portato con sé, per legge di natura, la formazione d’una malavita che nei primi tempi ha tenuto in soggezione le forze dell’ordine – Ma da qualche anno le cose a motivi di preoccupazione – Nei primi otto mesi di quest’anno, in una città di quasi due milioni di abitanti undici colpevoli sono stati scoperti – Meno favorevole il bilancio per quanto riguarda i furti

Continua a leggere