Intervista al Maresciallo di P.S. Arcangelo Stiuso

INTERVISTA AL MARESCIALLO DI P.S. ARCANGELO STIUSO

a cura di Gianmarco Calore, Michele Mastrosimone e Diego De Negri.

FONDI stiuso 15

Il maresciallo Stiuso ritratto con l’uniforme da allievo agente di P.S.: siamo nel 1942

 

La Redazione di Polizianellastoria è lieta di presentare l’intervista al Maresciallo di P.S. in quiescenza Arcangelo Stiuso, realizzata il 27 ottobre 2017.

Il Maresciallo Stiuso, di 94 anni, è probabilmente l’ultimo testimone vivente di ciò che fu la Polizia in una delle epoche più tormentate: quella del passaggio da Corpo degli Agenti di P.S. a Polizia Repubblicana e di nuovo a Corpo delle Guardie di P.S., finendo per passare all’odierna Polizia di Stato.

Continua a leggere

Annunci

Cadutipolizia.it: on line il nuovo portale!

Con immenso piacere comunichiamo che il sito Cadutipolizia.it è stato interamente rivisitato in tutti i suoi contenuti multimediali ed è adesso on line con una nuovissima veste grafica che permette una partecipazione diretta di ogni frequentatore attraverso la possibilità di postare i propri interventi direttamente all’interno della singola scheda del Caduto o nell’articolistica a firma dei vari Autori.

La nuova versione è fuibile al seguiente indirizzo:

http://www.cadutipoliziadistato.it/

Si tratta di un progetto in grado di offrire il meritato spazio della memoria a oltre 3000 Caduti della Polizia italiana di tutte le epoche, con nuovi criteri di ricerca e moltissime fotografie, alcune delle quali assolutamente inedite.

Molti ancora sono i Caduti in attesa di essere inseriti; molti di più coloro i quali non sono stati ancora scoperti. Ecco perchè la Redazione sarà ben lieta di ricevere qualsiasi notizia in grado di assicurare anche a Loro uno spazio virtuale di imperitura memoria.

Lo Staff di Polizianellastoria.it

I fantasmi del passato, l’ignoranza del presente

 

All’indomani dell’approvazione della c.d. “legge-Fiano” da parte della Camera c’è da restare annichiliti dal tentativo dei soliti noti di abbattere la storia. Annichiliti e spaventati, poiché sembra che tale tentativo possa anche andare in porto dopo il suo passaggio al Senato.

Queste sono pagine dedicate alla storia. Chi si appresta a leggere le parole che seguono non troverà alcuna sterile invettiva né argomentazioni populistiche, ma solo un tentativo di analisi. Storica, appunto. Inni e proclami li lasciamo ad altri.

Continua a leggere

La vita grama degli “aggiunti”

LA VITA GRAMA DEGLI “AGGIUNTI”

di Gianmarco Calore

Spesso, durante i nostri lavori di ricerca, ci siamo imbattuti in coloro che personalmente definii “i precari della Polizia”: parliamo della categoria degli “aggiunti”, soprattutto guardie, ma anche sottufficiali e addirittura funzionari.

Si tratta di appartenenti all’Amministrazione della P.S. che venivano assunti mediante quello che modernamente si potrebbe definire un contratto a termine. Senza andare a monte del 1945, queste figure professionali divennero così diffuse durante tutti gli anni Cinquanta e Sessanta da diventare quasi…normali. Si trattava in massima parte di militari che disimpegnavano una “ferma” triennale suscettibile di ulteriori rafferme, nella trepidante attesa di una loro ammissione alla frequenza del corso per effettivi che avrebbe garantito loro il transito in servizio permanente e il godimento di alcuni diritti e agevolazioni negati per lo status di “aggiunti”.

Continua a leggere

Generale di P.S. Sabatino Galli: cenni

Vicende storiche del Generale Sabatino Galli

Di Gianluigi Marconi

GP sabatino galli giovane.jpg

Un giovane Sabatino Galli ritratto durante il periodo bellico

Nel corso di una recente discussione sull’attività svolta dalla P.A.I. in Roma “citta aperta “, nel periodo 1943/1944 è emerso, da parte di un interlocutore, il nome di Sabatino Galli personaggio estremamente controverso che dal 1946 al 1963 ha ricoperto la carica di Generale ispettore del Corpo delle Guardie di P.S. cioè della componente militare della Polizia Italiana.

Continua a leggere

La Squadra Volante: il “parente scomodo” di questa Polizia

LA SQUADRA VOLANTE: IL “PARENTE SCOMODO” DI QUESTA POLIZIA

di Gianmarco Calore

E’ stato recentemente presentato il calendario ufficiale 2017 della Polizia di Stato.

Come sempre, visto il successo degli anni passati, le foto sono state commissionate a uno dei massimi professionisti del settore, proseguendo nell’azzeccatissima formula inaugurata nel 2004 con Oliviero Toscani. Anche quest’anno la qualità del lavoro è indubbiamente elevata, adeguandosi allo standard voluto.

Da osservatore ormai disincantato della realtà che ci riguarda, non ho potuto esimermi dal notare che per l’ennesima volta non è stata dedicata una sola fotografia a quella che una volta era la “punta di diamante” della prevenzione generale: la Squadra Volante.

Continua a leggere

Quel turno di servizio la notte di Natale

Ci sono storie che non hanno tempo. Non hanno tempo, ma soprattutto non hanno differenze di Uniforme. Questa bellissima narrazione va letta davanti al camino, in una fredda notte invernale, magari sorseggiando qualcosa di forte. E’ narrata con schiettezza, la stessa schiettezza che appartiene ai montanari. I protagonisti appartengono al Corpo della Guardia di Finanza, ma – ripeto – l’Uniforme indossata non fa differenza. E’ una storia di uomini duri, in un ambiente impervio: una leggenda, forse… Ma non siamo forse rimasti tutti noi ancora un po’ bambini?

Si ringrazia il Museo Storico della Guardia di Finanza per la concessione del materiale fotografico.

Buona lettura!

 

QUEL TURNO DI SERVIZIO LA NOTTE DI NATALE

di Lorenzo della Frattina

image_large.jpeg

Io, questa storia l’ho letta tanti anni addietro su di una rivista; una rivista della Guardia di Finanza. Peraltro io la prima uniforme che ho vestito, appena conseguita la maturità scientifica -seppure per breve tempo- è stata quella: sono stato Allievo Sottufficiale quando qui, lungo il confine alpestre, vi erano gli ultimi leggendari distaccamenti ove io avevo maturato quella scelta ,purtroppo stroncata da una polmonite che mi spinse a un prematuro proscioglimento, ma, prima dell’arruolamento, in quelle casermette a strapiombo sui crinali, ho conosciuto amici che- ancora oggi- sono tra i miei più cari e fraterni.
Nessuno sa se questa storia sia davvero accaduta, o se appartenga invece ad una delle piccole, grandi leggende di cui è intriso il nostro confine. E’una storia che cercherò di ripetervi con parole mie -così come pare era solito raccontarla- diceva il cronista- un vecchio graduato alle reclute giunte alla Scuola Alpina: la raccontava solenne sorseggiando un bicchiere di vino, quasi ( o forse davvero ), l’avesse vissuta lui in prima persona…

Continua a leggere

Il reparto Speciale della Polizia Stradale (i “Falchi”)

IL REPARTO SPECIALE DELLA POLIZIA STRADALE “FALCHI”

di Gianmarco Calore

Testimonianza diretta e fotografie gentilmente concesse dall’Ispettore Capo della Polizia di Stato in quiescenza Mario Angelo Cucciari

PS 1975 squadra falchi polizia stradale.jpg

Anni Settanta, anni di profondo tormento per la società italiana.

All’effervescenza delle piazze, rivoltate dalle manifestazioni del Sessantotto, si stanno affiancando ben più preoccupanti movimenti eversivi extraparlamentari, sia di destra che di sinistra. Come se non bastasse, la criminalità comune e organizzata sta rialzando pericolosamente la testa, con bande di predoni, rapinatori, sequestratori e trafficanti di droga che imperversano in tutta la Penisola, soprattutto nel Nord e nelle sue ricche metropoli.

La situazione sta sfuggendo di mano, tra le Forze dell’Ordine in strada si muore sempre più spesso e tutti gli sforzi per contrastare questi tristi fenomeni sembrano non bastare mai.

Ecco che la Polizia (QUELLA Polizia…), grazie anche a una profonda coesione tra Ufficiali e personale subordinato, risponde in modo molto pratico, prediligendo  totalmente l’aspetto operativo-repressivo a tante inutili chiacchiere che invece oggi sembrano farla da padrone.

Continua a leggere

Il rocambolesco furto della Gioconda

IL ROCAMBOLESCO FURTO DELLA GIOCONDA

di Marco Pitzolu

fc-1913-firenze-ritrovamento-gioconda-2

Durante una delle abituali visite ad un negozio di oggetti usati, routine per gli appassionati del passato, mi ha colpito una foto su di una vecchia Storia Illustrata che la didascalia indicava come “agenti di PS”.

Si tratta del personale incaricato della vigilanza della “Gioconda” che era stata rubata quasi due anni prima da un operaio italiano emigrato in francia, Vincenzo Perugia (in alcuni testi scritto Peruggia).

Continua a leggere