Intervista ad Agostino Bernardi

INTERVISTA CON L’APPUNTATO DI P.S. AGOSTINO BERNARDI, GIA’ APPARTENENTE AL CORPO DEGLI AGENTI DI P.S. E ALLA POLIZIA REPUBBLICANA

di Gianmarco Calore

 

11072540_10205114055564474_8766246983682846997_n

Un giovane Agostino Bernardi in uniforme del Corpo degli Agenti di P.S.: siamo nel 1943, sicuramente dopo il 25 luglio poiché sull’uniforme i fascetti sono stati sostituiti dalle stellette

 

Questa intervista è stata realizzata nel 2011 e ha consentito di raccogliere la testimonianza diretta di uno dei periodi più tormentati della Polizia italiana: quello compreso nella Seconda Guerra Mondiale. Agostino Bernardi è forse l’ultimo protagonista di quegli eventi dai quali è fortunosamente sopravvissuto consentendogli di ultimare la sua carriera con il grado di Appuntato.

Continua a leggere

1958: muore Carmine Senise

(25.01.1958) La Stampa – numero 22

E’ morto Carmine Senise capo della polizia nel 1943 

E’ morto Carmine Senise capo della polizia nel 1943 – Servì con onestà tutti i governi, da Giolitti a Facta sino agli anni difficili di Mussolini e Badoglio – Aiutò il colpo di Stato del 25 luglio, e dopo l’8 settembre fu internato in Germania – Stroncato dall’arteriosclerosi 

Continua a leggere

30 dicembre 1922: cinque morti in piazza Castello (di Milo Julini)

Per gentile concessione di Milo Julini, uno dei massimi esperti della storia criminale del “vecchio” Piemonte con riferimento all’evoluzione della Polizia dell’epoca, proponiamo questo interessante studio sull’ammutinamento della Regia Guardia per la Pubblica Sicurezza avvenuto il 30 dicembre 1922 a Torino a seguito dello scioglimento del Corpo voluto da Benito Mussolini. Una delle pagine più oscure che ancora oggi risulta sconosciuta ai più. L’articolo è tratto dalla rivista online “Civico20 News” che si ringrazia.

Continua a leggere

1946: la rivolta di San Vittore

(23.04.1946) LaStampa – numero 96

Accanita battaglia a San Vittore tra le forze di polizia e i detenuti in rivolta

Accanita battaglia a San Vittore tra le forze di polizia e i detenuti in rivolta – Autoblinde e mitragliatrici circondano il carcere • Fuoco concentrato sui punti di maggiore resistenza • I ribelli, capeggiati da Enzo Barbieri, trattengono 25 ostaggi rispondendo con mitra, pistole e bombe

Continua a leggere

Il corso mai partito

ACCADEMIA DI POLIZIA, 13° CORSO UFFICIALI : IL CORSO MAI PARTITO

di Gianmarco Calore

 

Nel variegato panorama storico della nostra Polizia ci siamo spesso imbattuti in vicissitudini complesse, a volte perfino contraddittorie, che hanno riguardato molti aspetti organizzativi del Corpo.

Uno di questi è emerso recentemente quasi per caso, sconosciuto ai più. Riguarda l’Istituto di formazione più prestigioso, quello dell’Accademia Ufficiali del Corpo delle Guardie di Pubblica Sicurezza. Per meglio comprendere questa strana storia, facciamo un passo indietro fino all’aprile 1943, quando il maresciallo Badoglio, a seguito della caduta del Fascismo, militarizzò l’allora Corpo degli Agenti di Pubblica Sicurezza, incardinandolo in uno stringente ordinamento militare che resterà inalterato praticamente fino alla legge di riforma del 1981. Da allora e fino al 1963, l’accesso al ruolo Ufficiali del Corpo avveniva “per osmosi” direttamente dagli Ufficiali d’Accademia delle altre FF.AA., con particolare preferenza per gli ufficiali appartenenti all’Esercito.

Continua a leggere